14 Kg POLVERIZZATI e non solo... con PALESTRE CHIUSE e COVID!



La molla ad un certo punto scatta, "DEVO RIMETTERMI IN FORMA, NON NE POSSO PIU' DI VEDERMI COSI"

E non c'è mai un momento buono, anzi, ci sono sempre altre 1000 alibi perfette o semplici distrazioni per farti rimandare l'appuntamento con le tue croci/desideri a data da destinarsi!


Però quando scatta, scatta, DEVI ascoltarla, subito!!! sai perché?

Perchè basterà poco, pochissimo, anche solo un messaggio whatsapp per buttare nel secchio (per non dire cesso) la possibilità di trasformare la tua vita ed essere finalmente felice!


E cosa c'è di più infimo e nemico della SCUSA TOP MASTER CLASS dell'ultimo anno?!?


"Vorrei ma tanto le palestre sono chiuse"

alibi perfetta


O ancora meglio:


"Di questi tempi poi? meglio aspettare, non vorrei ammalarmi"

(O ancora più sottile... "preferisco non mettere a rischio gli altri")


E non lo scrivo per criticarti, spessissimo queste cose accadono inconsapevolmente, il tuo cervello le crea per evitare "sofferenza" o il doverti spostare (anche solo idealmente) da dove sei. Il cervello funziona cercando economia, meno ci sono cose da cambiare meglio è.... meglio il divano, sempre meglio il divano!


Ti dirò di più, un'altra cosa tremenda sai qual'è?

Ma brutta brutta?


Vuoi saperla?

Ok!


Potresti fallire lo stesso, anche superando questi tranelli, queste azioni autosabotatrici interne, che ti spingono da anni a vivere col freno a mano tirato, fermo, immobile ma infelice, impantanato nelle sabbie mobili.


Sarò schietto quindi, non solo devi agire SUBITO, ma devi farlo pure già sapendo che la grande motivazione che hai all'inizio, calerà, come sempre, come ogni volta.

Quando l'entusiasmo da sognatore, che batte il divano e gli aperitivi, quando il fascino della novità svanirà, dopo aver comprato tutto nuovo, tuta e scarpe da ginnastica, borraccia fluorurescente.... sarà facile piantarsi!



Non ti dico questo per spaventarti, sotto sotto so che sai che un po' ho ragione... lo hai già provato!

Quanti annuali sprecati, quanti abbonamenti mai sfruttati, quanti beveroni, creme, diete... inutili.


Nicola sapeva tutto questo, Nicola ha voluto agire in modo diverso!

Con grande coraggio, dopo vari esperimenti noiosi e poco fruttiferi della palestra tradizionale, nonostante le scuse perfette sul piatto d'argento:


IL COVID


LE PALESTRE CHIUSE



Lui invece è partito, fanxxxxxulo alla pandemia!

Voleva farlo e l'ha fatto!


Ha fatto anche un'altra cosa molto molto coraggiosa, SI è FIDATO, anzi, AFFIDATO.

Conoscere un problema non significa averlo risolto, vuol dire partire bene, ma poi va fatto il resto.



Nicola ha messo tutto se stesso, si è impegnato, però ha deciso di non farlo da kamikaze, da solo... ha avuto l'eroico coraggio di ammettere un problema e farsi aiutare!


Altro che:

"Io so come si fa, sono stato in palestra una vita..."

"Basta levare i carboidrati e dimagrisci"

"Devi solo camminare per dimagrire"


magari... questo è il motivo del fallimento di molti!! :)


Chi meglio di Nicola può raccontarci la sua trasformazione iniziata 4 mesi fa, proprio ad ottobre, l'inizio della seconda clausura, l'inizio della nuova ondata del virus maledetto!

Si è allenato a casa, online col suo PT, all'aperto, negli spazi privasti esterni dei nostri studi, ovunque!

Niente ha potuto fermare la sua voglia di vincere, niente è riuscito ad interrompere il lavoro di squadra fatto col suo trainer, Colin, il suo primo vero tifoso!!




Ti rubo solo un altro minuto prima di dare la parola a lui. Nelle prossime righe che leggerai, mai, mai Nicola parlerà di quanti chili ha perso, di quanti centimetri di pancia, di quante taglie in m meno... mai!


Eppure dovrebbero essere le cose più importanti no?

Se vuoi rimetterti in forma vuoi meno panza, vuoi essere più magro giusto?



Questi sono i cambiamenti di Nicola da quando è arrivato:

14 chili, meno massa grassa, più acqua corporea quindi meno ritenzione idrica, meno grasso addominale, più giovane in base all'incrocio dei risultati, più di 20 cm in meno nelle 3 circonferenze critiche... il corpo si sta modellando coma mai prima!


E poi quello che nessuno mai nota: è più flessibile, 10 cm più sciolto, è più forte sugli addominali quindi zero mal di schiena!


Ad ogni modo no, non è così, non è tutto una questione di chili, ciccia e centimetri, almeno non solo così!


All'inizio, la famosa molla di cui ti parlavo forse scatta per motivi estetici, una foto, un indumento che non ti entra più, un commento maligno di un amico...



ma poi e è un cambiamento interno, più profondo, molto più profondo, legato all'abbandono di vecchi malate abitudini e la riscoperta di un io più forte, ringiovanito, fresco, nuovo!



Lascio la parola a lui :)



"Cercavo un personal trainer che mi stesse col fiato sul collo durante l’esecuzione degli esercizi e che mi motivasse, anche e soprattutto perché mi sono posto un obiettivo piuttosto ambizioso: rimettermi in forma, la più smagliante possibile.


Venivo da una pregressa storia di dimagrimenti altalenanti, ma nell’ultimo periodo avevo perso ogni freno nel cibo con orari del tutto sballati.


Tutto questo si è ripercosso fatalmente sulla mia salute. Memore però della mia precedente silhoeutte e della sensazione di benessere, ho deciso di rimettermi in forma, ma facendomi aiutare.

Ho cercato su internet, lasciandomi guidare dalle recensioni e alla fine ho trovato Zero Sforzo. Il nome, ad onor del vero, non mi intrigava, anzi forse mi lasciava abbastanza perplesso, perché ero consapevole che per ottenere certi risultati bisogna affrontare fatica e lavoro.


Ad ogni modo, finalmente, mi decido e mi iscrivo.

Mi è stato assegnato Colin, un personal trainer d’oro, proprio quello che cercavo, ossia una persona altamente professionale, che mi ha guidato nel percorso di miglioramento fisico in modo graduale, facendomi raggiungere inesorabilmente alcuni obiettivi ragguardevoli.


Colin è stato onesto - ed io concordo con lui - nel rappresentarmi che la riuscita del risultato dipende in massima parte dalla costanza dell'allievo nel fare attività fisica e nel mangiare cibo salutare in quantità giusta (lui lo chiama simpaticamente, ma efficacemente, “piatto gym”).


Quindi ho preso l’abitudine di andare a piedi a lavoro e ho fatto molta attenzione al cibo. I risultati (a distanza di circa 4 mesi) sono esteticamente visibili, ma quello che più conta è che mi sento meglio, non ho più il fiatone, mi sento finalmente le costole (che prima erano avvolte da un bello strato adiposo) e mi sto avvicinando alla forma fisica agognata, anche se non pretendo né pretendevo di raggiungere il mio obiettivo finale in modo repentino, ma nel tempo che occorrerà.


In Zero Sforzo si ha la sensazione di entrare in una comunità, devo però ammettere che, forse a causa del periodo di pandemia, non ho avuto modo di conoscere o anche solo scambiare qualche punto di vista con altri personal trainer o altre persone che come me si cimentano in questo percorso.


Indubbiamente l’aspetto relazionale è importante, ma non è stato il motivo che mi ha spinto a scegliere Zero Sforzo, perché ciò che mi aspetto è avere un ottimo rapporto col mio personal trainer.




Cosa mi resta fino ad oggi di questa esperienza?



Riesco ad eseguire con un’agibilità insperata esercizi fisici che prima mi sembravano difficili. Prima, durante gli allenamenti, mi buttavo a terra (e ancora ogni tanto mi capita) come un sacco di patate e mi sollevavo da terra con fatica e in modo sgraziato; ora sono più dinamico.


Nell’esecuzione di certi esercizi non sono ancora del tutto sciolto e disinvolto, ma, in considerazione dei risultati fin qui raggiunti, spero di acquisire sempre maggiore scioltezza.


A tal proposito posso raccontare, a titolo esemplificativo, che se prima facevo con difficoltà i crunch (addominali), ora riesco abbastanza bene nei sit up (esercizio per gli addominali ben più faticoso dei crunch); nei push up (flessioni) riesco bene e meglio delle prime volte, e cerco, per quanto mi è possibile, di eseguirli lentamente e nelle forme più conformi alla tecnica.



D’altra parte Colin è spietato – e di questo lo ringrazio - nel farmi notare come l’esercizio andava eseguito, se ho messo un piede in modo sbagliato, se inarco la schiena, se non incastro bene le scapole, se non lavoro col bacino, se l’appoggio con le mani non è corretto, se la presa non è giusta, se non allontano le spalle dalle orecchie, se ho i lombi appoggiati a terra, se le punte dei piedi non sono ben fissate a terra.


Una nota di colore che mi fa spesso sorridere è quando Colin mi invita ad avere durante l’esecuzione di certi esercizi l’addome attivo: mi viene spesso di pensare che sotto lo strato di grasso i muscoli addominali sono tutt’altro che attivi, ma dormienti, anche se con gli esercizi con cui mi cimento li ho svegliati un bel po’.


Che dire, mi auguro di riuscire a coronare il mio sogno, che è ambizioso e cominciare, dopo il mio calo ponderale, a definire la massa muscolare o potenziarla lì dove ci sarà bisogno, ma in questo mi sento tranquillo, perché mi sento seguito ed è la migliore sensazione che ho provato e che tanto mi mancava nella classica palestra".

Nicola Massa



Grazie Nicola per queste tue parole, ci fanno capire che anche noi siamo sulla strada giusta e non solo tu, con il tuo impegno ed il tuo desiderio enorme di vincere la tua sfida!

Saremo al tuo fianco, fino alla fine, fino alla fine!


Se anche tu che mi stai leggendo vuoi provare qualcosa di diverso, vuoi trovare la forza ed il coraggio di Nicola nel chiedere aiuto ed avere qualcuno che ti sproni a non mollare sempre dopo il primo mese... scrivici, saremo felici di aiutarti, di concordare una consulenza completamente gratuita e capire come progettare la TUA scalata verso il sogno: vederti finalmente bene, sentirti più forte, energico.. proprio come Nicola!!


CLICCA QUI e compila il form, ti aspetto!


Post in evidenza
Post recenti